—–BEGIN PGP PUBLIC KEY BLOCK—–
mDMEXZ8L5BYJKwYBBAHaRw8BA QdAbtH9aH1WBQ33QFqEir3Zj mgrtP83AIRBk/pR8kN1iTG0L 0Fkcmlhbm8gTWFyaW9saW5p IDxhZHJpYW5vLm1hcmlvbGl uaUBhZHJzeXMuaXQ+iJYEEx YIAD4WIQSJ4+0/Ut/TBPdWI I3nRqmeFvxhuQUCXZ8L5AIb AwUJCWYBgAULCQgHAgYVCgk ICwIEFgIDAQIeAQIXgAAKCRD nRqmeFvxhuW8nAP9XpKZ2abE bBsrL1uDbSqxGxLoVQTmxEe4 67aJDceQ2kAEAovbAjgsghf9 leYVoAPBlK7or0udw65KoPAM0 /BqaOAy4OARdnwvkEgorBgEE AZdVAQUBAQdAGsMsU8TKDFYR KqwuOgU2r64GnaR8fcWxY2YFN +AXwGQDAQgHiH4EGBYIACYWIQ SJ4+0/Ut/TBPdWII3nRqmeFvx huQUCXZ8L5AIbDAUJCWYBgAAK CRDnRqmeFvxhuYeVAQD9MMC67 4kmhpVgFRm306957co3+uzZqV kokObfxrYGFAEAiOmKdzDKU0TT 9II6fu9748CiulkJJu+sC/UDg5t 7ag0=sxwj —–END PGP PUBLIC KEY BLOCK—–

Il file di testo riportato sopra è un esempio di chiave pubblica generata con PGP integrato tramite Enigmail integrato al client di post Mozilla Thunderbird.

Il principio di funzionamento è abbastanza semplice, un po’più complessa, ma non impossibile, l’implementazione.

Si generano due chiavi, una pubblica che deve essere distribuita e con la quale verrà criptato il messaggio indirizzato a noi, e una seconda, privata, che va difesa in ogni modo, che servirà per decriptare il messaggio del quale siamo destinatari.

Allo stesso modo, per poter inviare una mail criptata, dovremo conoscere la chiave pubblica del destinatario. Le chiavi pubbliche possono essere allegate alla mail, riportate nella firma, caricata su server pubblici.

Questa architettura di chiavi asimmetriche renderà la mail illeggibile a chiunque la intercettasse per risultare “in chiaro” solo al destinatario. Inoltre, diversamente da metodi a chiavi simmetriche, non sarà necessario comunicare la password, passaggio che rappresenta un aspetto critico e di fragilità.

Inviare mail criptate serve per proteggere la privacy e il contenuto delle mail mentre non può garantire l’anonimato in quanto gli indirizzi e i metadati restano in chiaro. Proteggere la propria identità richiede attenzioni molto più complesse.